Trap Milano: le avventure dell’Escape Room sono lo sport urbano per la mente

A misura di famiglia, coppia, amici e colleghi di lavoro alle prese con il team building, le cinque Escape Room di Trap Milano sono avventure immersive al 101% da vivere per mettersi alla prova, lasciarsi andare alle emozioni e diventare protagonisti di una storia che si scrive mentre si vive.

In principio fu Piramide, l’Escape Room di Trap Milano che nel 2015 ha portato in città un’alternativa al panorama ludico, un vero e proprio sport urbano per la mente a portata di tutta la famiglia, dove grandi e piccini (dai nove anni in su) sono chiamati a ingegnarsi per risolvere enigmi e rompicapo, sbloccare livelli e andare avanti. A stretto giro debuttarono La Tomba, a tema thriller e ambientazione noir tipica dei gialli degli anni Cinquanta; La Casa nel Bosco, l’avventura horror riservata agli over sedici che diverte, elettrizza e spaventa senza scatenare mai il panico; Antartide, dal clima fantascientifico proiettato in una task force impegnata a salvare il mondo da qualche pasticcio combinato dagli scienziati e infine, nel 2018, Pirate Cave, l’ultima creazione che ha doppiato la sede di Trap Milano e annullato qualsiasi barriera poiché, priva di chiavi e lucchetti, senza nulla da leggere o decifrare, l’Escape è perfetta per un numeroso gruppo di giocatori che parlano lingue diverse e si ritrovano alle prese con un vascello fantasma ricco di misteri e trabocchetti “che richiederanno la miglior Lara Croft che è in voi, magari accompagnata da un elegante Indiana Jones”, come spiega Marco Pozzi, volto e anima di Trap Milano.

Escape Room: quando l’avventura scrive la storia

Benvenuti nelle avventure che non sono giochi perché non c’è nulla di predefinito e l’obiettivo si scopre strada facendo, immersi al 101% in un vero e proprio set cinematografico realistico e interattivo dove, in assenza di elementi estranei, ciascuno è libero di esprimere le proprie emozioni e mettersi alla prova, mentre la storia si dipana intorno a lui. “Sono i protagonisti – spiega Marco Pozzi – che con le loro azioni sviluppano da soli e confrontandosi con il gruppo la loro personale vicenda mentre il tempo scorre”. Insomma, rispetto alle tradizionali Escape Room, da Trap Milano la storia non conduce il gioco ma lo accompagna, provocando una serie di situazioni che inducono i singoli membri del team a interfacciarsi tra loro, con visioni leggermente differenti, ma sempre molto coinvolgenti.

Trap Milano: esperienze di squadra da vivere senza imbarazzo (né paura)

Ecco perché Trap Milano è un’esperienza molto divertente da vivere non solo in famiglia ma anche con gli amici, magari in un’occasione speciale come un addio al nubilato, in coppia e con i colleghi di lavoro, cimentandosi in stimolanti operazioni di team building. Tanto più che le avventure si basano sempre su logica, intuito e osservazione e mai su conoscenze specifiche perciò è scongiurato qualsiasi imbarazzo e, grazie alle automazioni e agli effetti speciali che sorprendono il giocatore fin da subito, il mondo reale cede velocemente il passo a quello dell’Escape Room, catapultando il protagonista in un mondo altro, da vivere in prima persona. Va da sé: “le emozioni che si sperimentano, così come l’ambiente e le interazioni, dipendono dal tema dell’avventura scelta – chiarisce Pozzi, che con il suo team aggiorna gli scenari in continuazione – tuttavia, anche in quelle horror e thriller, cerchiamo di evitare che il giocatore abbia paura a giocare”.

Sfida all’Escape Room: da sapere

Alla voce informazioni pratiche, è bene sapere che lo staff parla italiano e inglese e tutti i giochi sono in entrambe le lingue; che il numero dei partecipanti varia da avventura ad avventura (dai 2 ai 5 in Tomba e Piramide, ai 3-6 in Antartide e Casa nel Bosco, fino ai 14 di Pirate Cave) e il limite massimo è fissato per aumentare il divertimento e facilitare la coesione del gruppo; che è meglio vestirsi comodi perché nessuno vieta di raggiungere gli obbiettivi nei modi più disparati e che è importante evitare i tacchi, vista la presenza di gradini e passaggi che potrebbero risultare scomodi. Infine, bisogna ricordarsi di prenotare online e di arrivare puntuali. Al resto ci pensa Trap Milano. Della serie: “Devi soltanto dare ascolto alla tua curiosità e provare una delle nostre avventure, siamo sicuri di vivere insieme anche tutte le altre”.

Contatti

- Trap Milano – Escape Room
- Via Adeodato Ressi 23, 20125, Milano
- Telefono: 02.49535029
- Email: info@trapmilano.it
- Sito: trapmilano.it






I contenuti di questo post sono stati prodotti integralmente da Italia Media.
© Riproduzione riservata.