À Rebours Vintage Milano: un tuffo nel passato, un’esperienza controcorrente

A Milano il concept store ispirato, nel nome e nella filosofia, al romanzo ottocentesco di Huysman propone una sconfinata selezione di abiti e accessori vintage proponendosi, allo stesso tempo, come il palcoscenico di tanti eventi culturali da non perdere

Con il suo showroom, moderno e decisamente versatile, che si estende su una superficie di oltre 200 metri quadrati all'interno di un cortile di un bel palazzo d'epoca anni '30 (in viale Corsica 50, a Milano), À Rebours Vintage Milano è un punto di riferimento per tutti gli amanti della moda capace di travalicare le epoche e i capricci delle tendenze. «Il vintage – spiega la fondatrice di questo concept store dal fascino unico, Lisa Caramanico – è da sempre una mia passione: già quando lavoravo in azienda avevo sempre la valigia pronta per partire alla ricerca di pezzi ricercati, provenienti in primo luogo dai paesi anglosassoni, che poi andavano a formare il mio abbigliamento quotidiano scatenando la curiosità e l’interesse delle mie colleghe di allora». Valigia dopo valigia e abbinamento dopo abbinamento, Lisa ha quindi deciso di dare uno spazio a questa sua passione e, nel 2015, ha aperto il primo negozio.

L’ispirazione, fin dal primo taglio del nastro, è stata quella del romanzo ottocentesco di Huysman dal quale deriva il nome. «À Rebours – continua Lisa – significa “a ritroso” e indica la volontà di tornare indietro nel tempo ma, contestualmente, vuol dire “controcorrente” perché il protagonista di questo romanzo vittoriano va controcorrente rispetto agli standard della sua epoca e così vogliamo fare anche noi, facendo le cose a modo nostro, aprendo la mente, proponendo ciò che altri non propongono e trasformando la nostra realtà in uno spazio che non sia soltanto uno showroom ma un’esperienza nella quale immergersi e dalla quale lasciarsi affascinare». E, complice l’estrema competenza in materia di Lisa (che, prima di tutto, è una ricercatrice instancabile e una collezionista eccellente), l’effetto WOW di À Rebours Vintage Milano è davvero palpabile con il risultato che chi entra, per stessa ammissione della proprietaria di questo spazio, «si trova come catapultato in un universo parallelo e ha bisogno di qualche istante per superare l’effetto sorpresa iniziale».


Il perché, d’altra parte, è presto detto. «Ci sono circa duemila cappelli, dal 1890 alla metà degli anni 60 – spiega Lisa - e più o meno lo stesso numero di borse, che sono un’altra delle mie passioni, poi la bigiotteria (che nelle fattura non ha davvero nulla da invidiare alla gioielleria più preziosa), le proposte da giorno di abiti dagli anni ’30/’40/‘50/ ’60/’70, una cospicua

collezione di abiti da sera e da spettacolo di tutte le epoche e una proposta di make up ispirato, nel packaging, al passato». Un catalogo vastissimo, insomma, che è frutto dei continui viaggi “di scoperta” di Lisa e dei suggerimenti di alcuni, fidatissimi, fornitori esclusivamente esteri, offerto a prezzi assolutamente abbordabili e competitivi.

Obiettivi per il futuro? «Ci piace tutto ciò che è creativo, interessante e aiuta a migliorare sé stessi – ammette Lisa – per questo abbiamo organizzato nello spazio del nostro showroom un ricco cartellone di corsi e workshop di vario genere. Lo scopo? Vogliamo trasformare questo spazio in un centro di aggregazione, un ambiente versatile nel quale si creeranno situazioni nuove e stimolanti a 360°». La volontà, d’altra parte, è proprio quella di offrire qualcosa di diverso, di indicare la strada per uno stile à rebours: provare per credere.

Contatti

- À Rebours Vintage Milano
- Viale Corsica, 50 – Milano
- Telefono: 02.23187585/3472878515
- E-mail: info@areboursvintage.it
- Facebook: @areboursvintage 
- Instagram: areboursvintage

I contenuti di questo post sono stati prodotti integralmente da Italia Media.
© Riproduzione riservata.