I luoghi d'eccezione
Sponsorizzato da

Michele Rinaldi: la prima Spa per capelli che fa miracoli con le erbe tintorie

Miscelando il Rabarbaro, la Lawsonia, l’Indigofera a decine di altre erbe tintorie, Michele Rinaldi crea tinture in grado di coprire in maniera permanente i capelli bianchi senza rovinarli, anzi. La rivoluzione green parte dalla prima Spa per capelli, tra trattamenti di bellezza e puro benessere a base di oli, fiori e piante officinali

Le tinte naturali non coprono i capelli bianchi: falso. Michele Rinaldi l’ha dimostrato sul palco di On Hair Show & Exhibition nel novembre 2018 quando, tra lo stupore generale, con la sua miscela di erbe tintorie e acqua calda ha tinto di biondo, in un solo quarto d’ora, una signora completamente canuta. Per questo l’hanno soprannominato “il mago delle piante” e lui, tra un po’ d’imbarazzo e grande orgoglio, è ritornato al salone di Senago, alle porte di Milano, la prima e unica Spa per capelli che ha rimpiazzato i preparati chimici con le tinture vegetali. La notizia è che le sue miscele funzionano e fanno anche bene alla chioma al punto che, ogni giorno, tra percorsi di bellezza e rituali di puro benessere, le clienti arrivano da tutta Italia e non solo.

Rabarbaro, Lawsonia e Indigofera: i colori primari del parrucchiere-pittore

Una vera e propria rivoluzione nel settore, cui Rinaldi ha dato il via nel 2012, quando una fortissima allergia alla parafenilediammnina, l’ingrediente presente in tutte le colorazioni, sovente anche in quelle green, l’ha costretto a un bivio. Ebbene, spiega oggi, “invece di chiudere bottega, ho cercato un’alternativa e alla fine sono riuscito a trasformare un’apparente dannazione nella mia fortuna”. Il primo passo è stato bandire la chimica a favore dei prodotti bio, il secondo uno studio approfondito delle piante officinali che l’ha portato ad andare oltre il luogo comune: miscelando ad hoc la polvere di Rabarbaro, Lawsonia e Indigofera, Rinaldi ha infatti trovato il modo per coprire totalmente i capelli bianchi e, nel frattempo, esercitare una funzione protettiva. “Utilizzando le erbe tintorie – spiega – i capelli non si sfibrano. Anzi: in virtù delle proprietà vegetali acquistano forza, volume, morbidezza e lucidità”.

Foto

Funziona così: lavorando come un pittore, Rinaldi crea la sua tavolozza a partire dai tre colori primari delle tre erbe tintorie per eccellenza ridotte in polvere finissima. “Miscelando il Rabarbaro che regala sfumature gialle, la Lawsonia conosciuta come Henné rosso e l’Indigofera che dona il verde/blu a tutte le altre piante (ne ho a disposizione una quarantina) riesco a ottenere la giusta sfumatura in grado di coprire e regalare riflessi ad hoc”. E poiché il composto non apre le squame del capello ma lo avvolge in modo permanente, non è necessario alcun trattamento post colorazione.  Va da sé che “ogni capello reagisce in maniera differente – sottolinea Rinaldi – e perciò ogni miscela è personalizzata sulla base di molteplici fattori: il colore di partenza, la presenza di fili bianchi, la loro distribuzione e la porosità del capello”. Lo stesso vale per la posa, variabile da un minimo di 15 minuti a qualche ora, tempo che nella Spa di Rinaldi trascorre tra un omaggio e l’altro: una tisana (sovente a base delle stesse erbe usate per i capelli) e uno scrub alle mani o una maschera al viso. Il risultato sono “capigliature dalle sfumature più naturali, un sogno alla portata anche dei soggetti allergici, delle donne in gravidanza e di chiunque abbia a cuore la sostenibilità ambientale” e un benessere diffuso, a tutto tondo, complici le chicche che dispensa la Spa, subito dopo la colorazione.

Spa per capelli: bellezza e benessere a 360 gradi

Su tutti lo Shirodara, letteralmente “colata sulla testa”, il trattamento ayurvedico che va in scena a lume di candela nella wellness room insonorizzata, dove un’estetista esperta fa prima colare un olio caldo sulla fronte che, goccia a goccia, arriva fino alla punta dei capelli e poi pratica un massaggio che regala un profondo stato di benessere. Disponibile anche a 4 mani, su tutto il corpo, viene invece omaggiato a tutti i clienti, durante il lavaggio, nella versione Mineral Dara, sostituendo all’olio, un’acqua aromatizzata all’essenze di piante scelte su misura. Della serie: alla lavanda per idratare e chiudere lo squame, alla rosa gallica per un risultato lucidante, alla menta, al rosmarino o all’eucalipto per un effetto rinfrescante. Un piccolo assaggio dell’ampio ventaglio di trattamenti della Spa alle porte di Milano dove le piante officinali fanno miracoli negli impacchi – spiccano le proprietà nutritive della spirulina, del fieno greco, della moringa e dell’ananas e quelle curativi del meliloto, della bardana e della mimosa tenuiflora – e la rivoluzione delle erbe tintorie ha mosso i primi passi.

Deciso a correre per raggiungere più donne possibili, Rinaldi ha realizzato sei miscele già pronte, che dal biondo virano fino al castano scuro, e che possono essere personalizzate modulando differenti piante singole: basta contattarlo, inviare alcune informazioni, un paio di fotografie e l’alchimia arriva pronta in casa. L’ennesimo dettaglio per scoprire il caleidoscopio di questa Spa: un mondo nuovo, colorato, vivido, naturale al 100%.

Contatti

Michele Rinaldi
Via Repubblica, 26, 20030 Senago (MI)
Tel. 02 9980980
E-mail: rinaldibymichele@gmail.com
Sito: www.michelerinaldi.it