Sponsorizzato da LOGO Medias Italia

Villa Aurelia, la location incantata per eventi indimenticabili

<p><br data-mce-bogus="1"></p>


Uno spazio esclusivo dalla storia antica e affascinante: Villa Aurelia, di proprietà dell’American Academy in Rome dal 1909, ospita diversi eventi culturali e accoglie i privati per celebrazioni indimenticabili e su misura.

Un luogo incantato che, dalla cima del Gianicolo, domina la città di Roma proponendosi come una location unica per eventi indimenticabili. Benvenuti a Villa Aurelia, l’imponente struttura che – di proprietà dell’American Academy in Rome dal 1909 – è stata riaperta al pubblico nel 2002 dopo un accuratissimo restauro che, durato tre anni, l’ha riportata al suo antico splendore.

«La storia di questa struttura – spiega Paola Galli Zugaro – è molto frazionata. Edificata dal Cardinal Girolamo Farnese, all’epoca governatore di Roma, fu costruita tra il 1650 e il 1667 e rimase di proprietà della famiglia fino al 1731 quando passò ai Borbone e poi, nel 1774, al Conte Ferdinando Giraud». Gli eredi di Giraud acquistarono quindi la costruzione nel 1841 per poi rivenderla, nello stesso anno al conte Alessandro Savorelli di Forlì. Savorelli trasferì la sua fabbrica di candele nella villa e ampliò la struttura, restaurandola e ingrandendola. Danneggiata nel corso della guerra delle truppe francesi contro la Repubblica di Roma, in questo periodo Villa Aurelia divenne il quartier generale di Garibaldi fino a quando – al ritorno del Papa – la struttura tornò nelle mani di Savorelli e, alla morte di questi, passò al Monte di Pietà. «Solo nel 1885 – continua Galli Zugaro - la villa venne ribattezzata con il suo nome attuale quando la acquistò Clara Jessup Heyland che, americana e moglie di un ufficiale inglese divenuto invalido durante la guerra in India, si stabilì qui con il marito iniziando un vasto intervento di sistemazione delle costruzioni e del giardino. Alla sua morte, poi, la proprietà passò, come da sue volontà, all’American Academy in Rome, che proprio in quegli anni aveva acquistato una vasta area di terreno in prossimità per costruirvi la propria sede e che, subito dopo la Seconda Guerra Mondiale avviò i lavori di restauro».

Foto

Da allora sono trascorsi decenni e, dopo un importante restauro durato tre anni, gli spazi sono stati riaperti nel 2002 per ospitare molteplici di eventi culturali offrendo – allo stesso tempo – la possibilità di affittare la Villa (sempre in esclusiva visto che la struttura, tenendo fede alla sua filosofia, ospita un solo evento al giorno) per organizzare eventi estremamente sofisticati. «Si tratta di uno spazio davvero unico – spiega ancora Paola Galli Zugaro - che si propone come esclusivo e discreto e che, data la sua conformazione, si presta perfettamente per tutte le fasi del ricevimento offrendo anche la possibilità, in caso di maltempo, di spostare facilmente il ricevimento nei maestosi spazi interni». Amatissima dagli stranieri che, continua Galli Zugaro, «rappresentano quasi l’80% della nostra clientela e stanno aumentando con la moda del “destination wedding” che porta molti futuri sposi a scegliere Roma per il giorno del sì».

Un sì che, in qualsiasi lingua venga pronunciato, trova negli spazi di Villa Aurelia la destinazione ideale per un evento in tutto e per tutto indimenticabile.

Contatti

Villa Aurelia – Janus S.r.l.
Largo di Porta San Pancrazio, 1 - 00153 Roma
Tel 06/5846620/623
Fax. 06/5882003

 

Sponsorizzato da LOGO Medias Italia