Giorgio Parrivecchio, l’hair stylist creativo e su misura

Figlio d’arte con una lunghissima gavetta alle spalle e un imponente curriculum di studi in materia, Giorgio Parrivecchio nel nuovo atelier palermitano coccola i clienti con percorsi su misura, accoglie colleghi (o aspiranti tali) con i corsi di formazione Wella e ospita un cartellone di eventi aperti a tutti.

Forbici, spazzole, creatività e un’incrollabile fiducia nel lavoro di squadra: ecco la forza di Giorgio Parrivecchio, brillante hair stylist siciliano che, negli spazi dell’Atelier GpParrucchieri e nei backstage di molti importanti eventi in Italia e all’estero, ogni giorno fa quello che non esita a definire «il lavoro più bello del mondo».

«L’Atelier – racconta – nasce nel 1979 con mio padre Giuseppe che è ancora oggi un pilastro della nostra realtà e che, negli anni, ha affinato una professionalità e una creatività impagabili». Caratteristiche, queste, che Giorgio ha respirato fin da bambino ma che si sono trasformate in passione solo all’improvviso, come con un colpo di fulmine. «Ho sempre frequentato il negozio – ricorda – ma non ho mai creduto che quello fosse il mio posto fino a quando un giorno, per una casualità, ho accompagnato papà ad un evento, un collection show, e mi sono fermato a guardare. Quando ha finito gli ho detto: “da domani vengo con te”». Tra l’iniziale scetticismo del padre e la nascente passione del figlio inizia, così, per Giorgio un lungo periodo di gavetta e di formazione tra capelli spazzati in negozio, corsi a Roma e Milano e tante, tante, ore spese ad osservare stilisti ed hair stylist al lavoro perché, dice ancora oggi lui,  «il miglior modo per imparare qualcosa è stare un  passo indietro e osservare attentamente».

Il risultato di questo lungo percorso formativo oggi è sotto gli occhi di tutti: Giorgio, con il suo team affiatato, rappresenta un’eccellenza nel mondo dell’hair style italiano e con la nuova sede di GpParrucchieri (incentrata sull’attenzione all’ambiente e sul confort estremo e strategicamente collocata su una storica e patinata via della città e dagli spazi quanto mai estesi) ha preso in mano le redini della realtà reinterpretando a suo modo una passione di famiglia.

«Il nostro Atelier – racconta – è più che altro un laboratorio creativo, qui il cliente è davvero al centro di ogni dettaglio del lavoro perché tutto parte da lui, dai suoi gusti, dalle sue esigenze, dalle sue necessità». Niente pettinature fatte solo per seguire pedissequamente i trend del momento, insomma, ma uno studio attento per trovare il look più adatto a ciascuno. Il fil rouge? L’italianità, quell’attenzione al (buon) gusto nostrano che ha reso Giorgio e la squadra consulenti di primo piano anche per alcuni grandi marchi del fashion internazionale, come per esempio (ma non solo) Dolce&Gabbana . «Tutti i lavori che realizziamo – spiega ancora – coniugano la praticità con l’eleganza della nostra terra e si sviluppano nei dettagli per evidenziare al massimo le caratteristiche di chi li indosserà».

Una creatività, insomma, che di volta in volta si modifica “su misura” ma che parte da un metodo ben preciso che è quello che Giorgio insegna anche ai professionisti che seguono i suoi corsi  di formazione Wella nei nuovi spazi del salone. «Ho avuto la fortuna di stare sempre sulle spalle dei giganti e di guardare le cose da una prospettiva diversa – termina infatti l’hair stylist palermitano – e fin da quando ho potuto farlo, ho sentito il bisogno di condividere quello che avevo imparato. Poi sono e resto sempre molto curioso quindi non smetto di lasciarmi incuriosire dalle novità e dall’arte a tutto tondo che, infatti, trova spazio in salone con un cartellone di eventi ad hoc aperti a tutti». Insomma, una visita è d’obbligo.

Contatti

- Giorgio Parrivecchio
- Via Narciso Cozzo, 23 – 90100 Palermo (PA)
- Telefono: 091 321759 - 320 9783258
- E-mail: gpparrucchieri@me.com
- Sito web: www.gpparrucchieri.it
- Instagram: @gpparrucchieri
- Facebook: @parrucchierepalermo

I contenuti di questo post sono stati prodotti integralmente da Italia Media.
© Riproduzione riservata.