Cupola Bianca Resort: l’isola nell’isola a Lampedusa

Immerso in un’oasi verdissima di Lampedusa dove la macchia mediterranea incontra i paradisi tropicali, il Cupola Bianca Resort offre incantevoli soggiorni nei tipici dammusi in un’impeccabile atmosfera familiare impreziosita da comfort d’eccezione e condita da una cucina che spazia dal sushi alla cucina isolana rivisitata.

Incastonato nella brulla Lampedusa come un’isola nell’Isola, il Cupola Bianca Resort è l’oasi verdissima che tra palme e ibiscus, ulivi secolari e carrubi mescola la macchia mediterranea ai paradisi tropicali in una profumata alchimia più unica che rara. Spalmato su un’area di ventimila metri quadrati, questo eden accoglie i suoi ospiti tra mosaici e opere d’arte nei tipici dammusi, in un clima tanto impeccabile quanto familiare, condito da un’eccellente cucina e costellato da comfort d’eccezione in grado di trasformare una semplice vacanza in una ricca esperienza rigenerante.

In principio fu un’antica villa con una cupola centrale a pochi minuti dalle spiagge di Cala Madonna, Cala Croce e dall’Isola dei Conigli, dove la sabbia è bianca e finissima e il mare cristallino: Giovanni Cappello, creativo per indole, figlio di albergatori pionieri e giramondo assetato di novità, l’acquistò nel 1999 insieme al terreno circostante, avendo ben chiari quali fossero gli ingredienti necessari a creare il primo Resort di Lampedusa che non avesse nulla da invidiare alle strutture delle mete turistiche da sogno.

Vacanza a Lampedusa: l’accoglienza del Cupola Bianca Resort

Il risultato è un’ospitalità costruita a regola d’arte per stupire i sensi senza confonderli che oggi ha il volto gentile di sua moglie Gemma e che accoglie gli ospiti  nella hall elegante e luminosa, sotto il grande mosaico con cui Giovanni ha decorato l’interno della Cupola, accomodati sui divani color oro, tra i grandi specchi che arrivano da tutto il mondo e le originali sculture firmate sempre da Giovanni che, mentre dirige l’orchestra (senza tenerne in mano il testimone, ceduto alle figlie) oggi impreziosisce la struttura con interessanti opere d’arte.

Lasciata la hall, l’accoglienza si snoda lungo i vialetti immersi nel verde dove sono ben disposte le 25 camere nello stile dei dammusi, le caratteristiche abitazioni isolane rivestite in pietra così da essere fresche e silenziose all’interno. Tutte dotate di accesso indipendente, patio ombreggiato e attrezzato con sdraio per un intimo relax, sono arredate con cura in un sapiente mix di gusto mediterraneo e incursioni arabesche. Disponibili in diverse tipologie - dalle Comfort alle Superior passando per il Dammuso e la Suite con Jacuzzi esterna, più volte frequentata da artisti come Claudio Baglioni -, le camere sono a misura di diversi target ed esigenze e propongono comfort d’eccezione che vanno dagli scooter o le auto -a seconda della sistemazione -, messe a disposizione degli ospiti per tutta la durata del soggiorno, fino alla giornata in barca alla scoperta delle calette più suggestive tra tuffi, snorkeling, sole e uno sfizioso pranzo a bordo.

I ristoranti del Cupola Bianca Resort: sushi o cucina isolana?

All’altezza delle aspettative, la doppia cucina del Cupola Bianca Resort vanta chef dalle formazioni stellate e volteggia tra l’ampia e sinuosa piscina proponendo, da un lato i menu del Shiroi SushiPoolBar, dall’altro la raffinata carta del Blanco Restaurant. Sotto l’occhio attento di Nancy Cappello e di suo marito Pasquale, lo Shiroi SushiPoolBar è il punto di ritrovo per cocktail e aperitivi durante il giorno ed è il regno della sperimentazione culinaria a pranzo e a cena, dove gli eccellenti Chef si cimentano in piatti fusion nippo-brasiliani sposando i classici del sushi ai tipici ingredienti mediterranei - alias sashimi, nigiri, uramaki e temaki al nero di seppia, finocchietto selvatico, olio tartufato, dentice praio e ricciola -, in connubi che conquistano anche i palati più difficili.

Più tradizionale e altrettanto gourmet la carta del mediterraneo Blanco Restaurant: grande e luminoso, complice l’attenta supervisione della giovane Giada Cappello e di suo marito Fabio, è il regno dove i ricettari lampedusani incontrano quelli siciliani e non solo per tradursi in prelibate rivisitazioni gastronomiche. Seguendo il ritmo delle stagioni, l’offerta del mare e del territorio, la proposta è infatti un trionfo culinario curato nei dettagli e impreziosito dalle erbe aromatiche coltivate nel giardino che, mentre valorizza i profumi e i sapori a chilometro zero, crea portate originali presentate a regola d’arte. Tradotto: dai dentici alle ricciole, dalle cernie ai pesci spada, passando per tonni, calamari, scampi e polipi, gli abbinamenti con le tipiche essenze mediterranee - dai capperi al finocchietto selvatico fino agli agrumi - regalano anche al palato più esigente sorprese piacevoli e delicate. Ad accompagnare i pasti un’accurata selezione di vini che raccontano il meglio del terroir italiano.

Benessere a Lampedusa: il relax del Cupola Bianca Resort

Nel frattempo i soggiorni scivolano slow, tra la quiete a bordo piscina, la pace sui divani sotto i veli in lino, tra i titoli della nutrita libreria, il biliardo e il ping pong e la meraviglia delle giornate al mare, tra passeggiate ed escursioni in barca. Alla voce relax, il Cupola Bianca Resort propone una selezione di massaggi che vanno in scena a richiesta nei gazebo immersi nella natura dove, dal 2020, sorgeranno l’esclusiva Spa e il campo da tennis, in linea con la volontà di estendere l’accoglienza anche ai periodi di bassa stagione, all’insegna di un benessere che non conosce calendario. Una ricetta semplice ed efficace che guarda al futuro, iniziata tanto tempo fa da Giovanni con passione, dedizione e creatività che si rinnova ogni giorno grazie a questa vulcanica famiglia votata all’accoglienza, che non lascia nulla al caso e ha ancora molto da offrire.

Contatti

Via Madonna, s/n, 92031 Lampedusa (AG)
Telefono: +39 0922 971274 / +39 0922 973615
E-mail: booking@cupolabiancaresort.it
Sito: www.cupolabiancaresort.it

I contenuti di questo post sono stati prodotti integralmente da Italia Media.
© Riproduzione riservata.